All events in

Pratiche Gestionali per Strade più Sicure : Dispensa

Home » Full Catalogue » Pratiche Gestionali per Strade più Sicure : Dispensa

Pratiche Gestionali per Strade più Sicure : Dispensa

Event logo
People
Type:
Dispensa Interattiva
Location:
Web Based
Date:
Free and Open Event
Confirmed
Duration of event:
1 Weeks
Programme Area:
Decentralize Cooperation Programme
Specific Target Audience:
No
Event Focal Point Email:
Event Focal Point Contact Number:
 
Other Event Details:
Italian

Gli infortuni da incidente stradale provocano 1,35 milioni di vittime ogni anno con un impatto enorme sulla salute e sullo sviluppo. Rappresentano la nona causa di morte tra tutte le fasce d'età a livello globale e la principale causa di morte tra i giovani di età compresa tra 15 e 29 anni, costando ai governi circa il 3% del PIL e il 5% nei paesi a basso e medio reddito (Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS 2018).

Il raggiungimento degli obiettivi di sicurezza stradale richiede, tra l'altro, il miglioramento delle infrastrutture stradali già esistenti a beneficio di tutti gli utenti della strada, in particolare dei più vulnerabili (Decennio di Azione per la sicurezza stradale 2011-2020 - Pilastro 2).

Miglioramenti nella pianificazione, progettazione e costruzione delle infrastrutture, compresa la realizzazione di strutture sicure per pedoni e ciclisti, possono ridurre i rischi che provocano lesioni e decessi causati da incidenti stradali.  La mancanza di infrastrutture come sentieri, piste ciclabili, strisce pedonali, corsie per motociclisti e punti di attraversamento sicuri a velocità controllata su molte strade, aumenta il livello di rischio per tutti gli utenti della strada.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, migliorare il 10% delle strade a più alto rischio in ogni paese in 20 anni, attraverso l'implementazione di sentieri, barriere di sicurezza, piste ciclabili e strade asfaltate, solo per citarne alcune, ha il potenziale di prevenire circa 3,6 milioni di morti e 40 milioni di feriti gravi (OMS, 2015).

Il secondo pilastro del Decennio di Azione per la sicurezza stradale sottolinea che avere strade più sicure richiede:

  • Identificare il numero e la localizzazione di morti e feriti per tipo di utente della strada, e i fattori chiave delle infrastrutture che influenzano il rischio per ogni gruppo di utenti
  • Identificare i luoghi o i tratti di strada pericolosi dove si verificano un numero eccessivo o una gravità eccessiva degli incidenti 
  • Condurre valutazioni sulla sicurezza delle infrastrutture stradali già esistenti e realizzare interventi ingegneristici collaudati per migliorare le prestazioni di sicurezza

 

In linea con il Decennio di Azione per la sicurezza stradale, l'obiettivo generale della Dispensa interattiva "Pratiche Gestionali per Strade più Sicure" è quello di fungere da documento guida per misure concrete che possano migliorare la sicurezza stradale, fornendo una metodologia che:

  • Identifica il numero e la localizzazione dei morti e dei feriti per tipo di utente della strada e i fattori infrastrutturali chiave che influenzano il rischio di incidenti.
  • Individua i tratti stradali pericolosi o le zone in cui si verificano un numero eccessivo di incidenti e/o incidenti di una gravità elevata e adotta misure correttive.

Si basa sulla premessa che il raggiungimento degli obiettivi di sicurezza stradale necessita, tra l'altro, il miglioramento delle infrastrutture stradali già esistenti a beneficio di tutti gli utenti della strada, specialmente i più vulnerabili.

Tale Dispensa è stata progettata come uno strumento per l’apprendimento online che può essere utilizzato da funzionari governativi, ingegneri stradali, progettisti e responsabili politici del settore pubblico e privato.

Presenta diversi casi di studio e le procedure migliori attuate da diversi paesi, tra cui la Repubblica Domenicana, l'India, la Cina e il Brasile, evidenziando così la fattibilità delle misure raccomandate e la loro applicazione in diversi contesti. 

Tale Dispensa si rivolge ai funzionari governativi, politici, ingegneri, proggettisti e tecnici, addetti alla sicurezza stradale e agli utenti della strada in generale.

Back to top